Pyongyang rigetta le sanzioni Onu, Seul schiera i missili Taurus

Pyongyang rigetta le sanzioni Onu, Seul schiera i missili Taurus

La Corea del Nord respinge con estrema durezza¬†le sanzioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu¬†stabilite ¬†luned√¨ 11 settembre definendole il “prodotto di una scellerata provocazione”, mentre Seul schiera i missili Taurus.

“La risoluzione – scrive ¬†il ministero degli Esteri della Corea del Nord – √® stata fabbricata dagli Stati Uniti impiegando ogni mezzo e metodo spregevoli e viziosi. Condanniamo duramentre le sanzioni come atto provocatorio attraverso il quale privare la Corea del Nord ¬†la DPRK del suo legittimo diritto di autodifesa e soffocando completamente il suo stato e la sua gente attraverso un blocco economico a larga scala”.

“L’adozione ¬†– prosegue la nota – di un’altra illegale e malvagia “risoluzione sulle sanzioni” pilotata dagli Stati Uniti √® stata un’occasione per la Corea del Nord per constatare di aver intrapreso la strada giusta. Dato che gli ¬†Stati Uniti intendono ostacolare il nostro sviluppo, e disarmarci attraverso le sanzioni ed una pressione senza precedenti per poi annullarci con l’aiuto di armi nucleari, noi raddoppierremo gli sforzi per incrementare la nostra forza, per salvaguardare la sovranit√† del paese ed il diritto all’esistenza e per preservare la pace e la sicurezza della regione, stabilendo un nuovo equilibrio con gli Stati Uniti”

Nel frattempo l’Aeronautica sudcoreana ha concluso “con successo” un ciclo di esercitazioni usando per la prima volta i missili avanzati Taurus, in una prova di forza dopo il piu’ potente test nucleare mai fatto dal Nord lo scorso 3 settembre. Le manovre, tenute sulla costa occidentale, hanno visto schierati i jet F-15K che hanno lanciato i missili colpendo a circa 400 km di distanza un target sistemato su un’isola. Una prova, secondo l’Aeronautica, “utile a dimostrare le capacit√† di risposta di fronte a eventuali provocazioni”.

Le manovre hanno visto l’utilizzo dei missili Taurus di fabbricazione tedesca che, secondo l’agenzia Yonhap, con la gittata potenziale di 500 km, possono essere impiegati per attacchi di precisione su target nella capitale nordcoreana Pyongyang, pur se lanciati dalla parte centrale della Corea del Sud.¬†Seul sta procedendo allo schieramento di circa 170 Taurus, parte del piano di difesa ad ampio raggio denominato “Kill Chain”, e ha deciso di importarne altri 90 circa. I primi Taurus sono stati consegnati dalla Germania a ottobre del 2016.

L’articolo Pyongyang rigetta le sanzioni Onu, Seul schiera i missili Taurus proviene da La Notizia.net.

per leggere l’articolo clicca sul link
Source:Pyongyang rigetta le sanzioni Onu, Seul schiera i missili Taurus

Questa voce è stata pubblicata in notizie marche. Contrassegna il permalink.